applausi per Ryan

Quest’estate ho volato con Ryanair.

Dopo ogni atterraggio, un applauso al pilota, stimolato anche dal jingle trombetta che annuncia l’arrivo in orario.

Bravo pilota che ci ha portato a terra sani e salvi.

Ma perché applaudire a una persona che fa il proprio lavoro?

Forse perché quando siamo su un aereo è più facile essere consapevoli del pericolo, di ciò che rischiamo se le cose non vanno bene, se il pilota non realizza appieno il suo dovere. Siamo maggiormente consapevoli dell’importanza del risultato raggiunto.

È proprio questa consapevolezza che manca. Se fossimo davvero consapevoli dell’importanza di certi ruoli e dei rischi che si possono correre, probabilmente passeremmo tutto il giorno ad applaudire.

All’uscita da scuola la maestra che insegna ai bambini a leggere, scrivere, raccontare, comunicare: vale più o meno di un buon atterraggio?

Il contadino o l’allevatore che producono con rispetto grano, frutta, verdura, latte, carne, uova: valgono più o meno di un buon atterraggio?

L’imprenditore che investe denaro, tempo, reputazione, rispetto delle regole per valorizzare il lavoro di decine di operai, rischiando in prima persona o l’operaio che entra nella fabbrica, come fosse sua: valgono più o meno di un buon atterraggio?

Il sindaco, assessore, amministratore, impiegato comunale, consapevole del proprio servizio, che non delega le responsabilità agli altri ma si fa carico del suo pezzo di cosa pubblica: vale più o meno di un buon atterraggio?

La mamma e il papà che, con tutti i limiti del caso, affrontano il proprio ruolo educativo con responsabilità, bellezza e fatica: valgono più o meno di un buon atterraggio?

Gli operatori sociali, i farmacisti, i commercialisti, i restauratori, i baristi, i pensionati… insomma chi svolge il proprio lavoro con impegno, onestà, consapevoli dell’importanza e del rischio del proprio ruolo sociale, valgono più o meno di un buon atterraggio?

Forse, avremmo bisogno di fermarci più spesso e riconoscere all’altro la qualità del proprio lavoro.

Allora sarebbero applausi per tutti.

P.S. Certo, non tutti svolgono il proprio lavoro con impegno, onestà, consapevoli dell’importanza e del rischio del proprio ruolo sociale… questi sono più pericolosi di un cattivo atterraggio.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in EDUCAZIONE ALLA DIVERSITA', SGUARDI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...