Archivi categoria: LA POESIA

Goodnight, peeping Tom

Goodnight, peeping Tom è un lavoro performativo ideato da Chiara Bersanicon Marta Ciappina, Marco D’Agostin, Matteo Ramponi, che ambisce a dimostrare una tesi:
alla radice di ogni comportamento/desiderio sessuale
c’è una spinta sentimentale, una richiesta romantica.

Sono arrivato allo spettacolo stremato, dopo una giornata intensa di lavoro.

Faticosa fisicamente ed emotivamente. Ero chiuso e in difesa. Inoltre ero con due colleghi con disabilità, nulla di strano ma temevo di dovermi dividere tra spettacolo e cura.

Le parole di chi ci ha accolto, invece, come la giusta chiave, hanno aperto una prima breccia: Voi preoccupatevi solo di godervi lo spettacolo, al resto penso io.

E poi… senza troppe spiegazioni restituisco un po’ di ciò che ho ricevuto.

76_70790031oksito

Guardavo lui e vedevo me
Toccavo lui e sentivo io
Come di fronte a uno specchio, tra i suoi lineamenti ritrovavo qualcosa di me
Una storia passata, l’insicurezza dei primi passi, la paura di riconoscere un sentimento
Uno sguardo pesante, un desiderio ingombrante
Forgive me for my sins.

L’inaspettato è il desiderio inespresso, l’inconscio che dialoga con l’assoluto. E si manifesta quando ne puoi fare buon uso.
Scardina, trascina, rivolta.
Il mio corpo, un campo arato che riporta alla luce il profondo nascosto, spavento e finalmente respiro.
Forgiveness I’m frightened to deserve

Ho incrociato me stesso nei tuoi gesti
L’amore ricevuto, intenso, la colpa, la gelosia, l’impotenza, l’assenza di parole per dire ciò che sentivo, per chiedere, per sentire
La paura, rafforzata dalla mancanza di parole per pronunciarla, per denunciarla, per condividerla
Sono forte, ma la mia debolezza è la mia verità.
Oggi vivo, di nuovo
Is it time for forgiveness

Qui se volete un trailer dello spettacolo!

Se vi capiterà di incontrare sulla vostra strada questo spettacolo, non perdetelo. Non avrà con voi lo stesso effetto che ha avuto con me, ma non importa. quello che davvero è importante è la possibilità di sentire e di vivere , anche di uscirne dopo dieci minuti. Scegliere, cioè, di sperimentare qualcosa, senza paura e pregiudizi.

Lascia un commento

Archiviato in INCONTRO ALL'ARTE, LA POESIA, LIBRI, PAROLE, SCRITTURA

la poesia non significa, è

684fa8c466897073268fab92c21f851e

Io adoro Ungaretti.
Non solo per le sue poesie.
O per le sue riflessioni.
Sulla letteratura, sull’uomo, sulla società.
Non solo perché ha vissuto alcuni anni in Brasile, insegnando all’Università di San Paolo, città a me molto cara.

Mi affascina il suo modo di muovere le mani.
Di misurare le parole.
Di esprimere con tutto il corpo quello che vuole comunicare.
O anche quello che vorrebbe ma non può.

In questa intervista, per esempio, dopo la domanda lunga, ridondante e troppo pignola, fa una pausa, cerca le parole per rispondere e subito pensi: ma che domanda del cavolo!
Poi l’intervistatore continua chiedendogli “ma oggi, il procedimento normale” (e di nuovo pensi a come sia possibile ridurre a normale un procedimento creativo) e lui:

… ma non si sa come avviene, così d’un tratto, un’idea, e poi questa idea vi tormenta, scrivete qualcosa poi vi torna ancora e poi continuate… A volte è un lavoro lungo, a volte è un lavoro che si fa in pochi momenti. “L’isola” (dal ”Sentimento del tempo) che è una poesia lunga, elaborata, è una poesia che mi è nata in una notte. Altre poesie brevissime mi richiedono sei mesi di lavoro. Non sono mai a posto.

Si seguono con l’orecchio, non si sa poi che cosa sia questo orecchio, perché l’orecchio va dietro al significato, al suono, a tante cose… insomma tutto deve finire col combinare, col dare la sensazione che si è espressa la poesia.

Ma non si è mai espressa veramente, si è sempre scontenti… si vorrebbe che fosse detto diversamente ma la parola… la parola…
La parola è impotente.
La parola non riuscirà mai a dare il segreto che è in noi.
Mai, lo avvicina…”

La poesia non significa, è.

 

Lascia un commento

Archiviato in LA POESIA, LIBRI, PAROLE, SCRITTURA

Il fardello dell’uomo bianco

Nel 1899 Rudyard Kipling pubblica la poesia Il fardello dell’uomo bianco.
La poesia diventata un manifesto in difesa delle azioni di conquista dei popoli europei che, caricandosi il fardello del loro essere bianchi e occidentali, partivano spinti dalla necessità di adempiere alla loro missione: colonizzare gli altri popoli della terra.
669a8aa7f838a7ae0dde4ea5e862db32
Noi bianchi, in quanto bianchi, superiori, gli altri inferiori.
Per quanti anni siamo stati educati secondo questa logica?
 
Quando parliamo di razzismo dovremmo prestare attenzione proprio a questa idea, al fardello che, più o meno coscientemente, sentiamo di portare sulle spalle.
Un fardello fasullo, una convinzione che dobbiamo abbandonare altrimenti sarà difficile modificare le nostre azioni.
 
Io lo sento questo fardello.
Quando vedo una persona con la pelle di un altro colore, dentro sento una voce che mi dice che il mio essere bianco è un motivo valido per sentirmi migliore, dalla parte giusta del mondo, più adeguato alla vita.
 
Eppure l’unica cosa che dovrei sentire è il privilegio dell’uomo bianco. La grande occasione che ho avuto di nascere con la pelle del colore più fortunato, in un paese che è posizionato in quella parte di mondo semplicemente più fortunata.
 
Un privilegio, un vantaggio… e io che uso ne voglio fare?
Uso il mio privilegio per chiamare scimmie le persone nere.
Oppure uso il mio privilegio per costruire incontri, scambi, relazioni cioè inclusione?
 

Lascia un commento

Archiviato in EDUCAZIONE ALLA DIVERSITA', LA POESIA

Se fossimo capaci di ricordare…

0b1d9080507ae66acce7fe18e39b9d89

27 gennaio 2015

Se fossimo capaci di ricordare ci scoppierebbe il cuore, desidereremmo strapparcelo dal petto.
Per quel dolore insopportabile.
Se fossimo capaci di ricordare impazziremmo, la nostra mente perderebbe il senno.
Per l’impossibilità di comprendere una tale tragedia.
Se fossimo capaci di ricordare resteremmo tutti in silenzio perché ogni parola ci sembrerebbe un’offesa.
Ogni pensiero, anche il più delicato e il più rispettoso, un giudizio.
Se fossimo capaci di ricordare, ahimè, non permetteremmo al ricordo di trasformarsi in nostalgia.
Ah! Che dolore, che profonda e infinita tristezza.
Se avessimo la coscienza per ricordare… piangeremmo, forse saliremmo su un albero, alto, per vedere se l’orizzonte esiste ancora, costruiremmo, un sassolino dopo l’altro, una storia nuova, ci sveglieremmo, nel mezzo della notte, per ascoltare la voce del mondo, balleremmo per chi non può ballare più e canteremmo un canto triste, un canto di libertà.
Se fossimo capaci di ricordare, saremmo uomini ed è banale, lo so, ma faremmo di tutto perchè ciò non accadesse di nuovo.

From Schindler’s List

1 Commento

Archiviato in LA POESIA, SGUARDI

c’è il silenzio

P1140711

c’è il silenzio del mare, che ti avvolge

c’è il silenzio dello sguardo, che comunica

c’è il silenzio della montagna, che ti sovrasta

c’è il silenzio della gestazione, che annuncia

c’è il silenzio dell’eremo, che ti porta dentro

c’è il silenzio della lettura, che ti racconta

c’è il silenzio del bosco, che ti accarezza

c’è il silenzio del deserto, che ti ammalia

c’è il silenzio dei baci, che ti travolge

c’è il silenzio delle parole, che immagina

c’è il silenzio della spiaggia, che ricorda il limite

c’è il silenzio dell’attesa, che spera

c’è il silenzio della paura, che preparac

c’è il silenzio della notte, che riposa

c’è il silenzio della morte, che ricorda

 

1 Commento

Archiviato in LA POESIA