L’alfabeto della diversità

Perdersi tra le storie, per scoprire se stessi

  • Premessa

I libri non sono importanti o utili. I libri sono belli. Come oggetti, come luoghi, come possibili vite, come allenamento all’immaginazione e al possibile. Un libro, quindi, può diventare lo strumento perfetto per scoprire, conoscere, incontrare. Un luogo della relazione: con le parole, con i personaggi, con le emozioni e perfino con gli scrittori.

  • Obiettivi

Obbiettivo primario del laboratorio è quello di favorire l’incontro con la diversità presente nelle storie e, di conseguenza nella vita reale, favorendo la valorizzazione di tale diversità in quanto elemento centrale e vitale per la vita sociale.

  • Obiettivi secondari

. conoscere se stessi e gli altri, uguali e diversi allo stesso tempo; . valorizzare la diversità come ricchezza e non come ostacolo.

Per realizzare tali obiettivi, si raggiungeranno tappe intermedie:
. riconoscere le proprie emozioni di fronte a ciò che è diverso ed esprimerle in modo empatico;
. aumentare la consapevolezza del ruolo delle parole nella costruzione della relazione con l’altro.

  • Metodologie e strumenti

Il laboratorio prevede momenti di dialogo, letture e giochi di ruolo alternati con momenti di riflessione e condivisione, in modo da rendere il lavoro piacevole e dinamico.
Gli strumenti utilizzati prevedono una partecipazione attiva degli studenti.

Dopo un primo momento di presentazione che coinvolge i partecipanti in maniera attiva e divertente, verranno proposte delle attivazione: lettura di brani tratti da alcuni libri da me scelti e presentazione di personaggi della letteratura infantile moderna o classica che permettano al gruppo di esprimere pareri e vissuti legati al tema proposto, che verranno poi discussi e condivisi per identificare alcune parole chiave.

Successivamente i contenuti espressi nella prima parte dell’incontro, vengono rielaborati attraverso dinamiche o piccole attività creative.

L’ultima parte dell’incontro viene dedicata all’incontro con lo scrittore, ci sarà infatti tempo per eventuali domande o curiosità.

La metodologia di conduzione dell’incontro varia a seconda dell’età dei partecipanti, adattandosi alle diverse esigenze del gruppo.
In allegato anche una bibliografia di testi sulla diversità dai quali verranno estrapolati i libri utilizzati durante l’incontro.

  • Destinatari e tempi

L’incontro è rivolto ai bambini delle scuole primarie e ai ragazzi delle scuole secondarie inferiori e coinvolge anche le insegnanti perchè abbiano l’occasione di godersi un momento ‘alla pari’ con i propri alunni.

Il laboratorio ha una durata di 2 h e

per consentire al gruppo di creare un clima tranquillo e accogliente e avere il tempo necessario alla rielaborazione dell’esperienza.

Alla fine del laboratorio i bambini potranno anche farmi domande sul mio lavoro di scrittore e su come sono nati i miei libri.

  • Per informazioni

Potete contattarmi attraverso questo blog oppure potete chiamarmi. Troveremo insieme la soluzione più efficace e adatta alle vostre esigenze.

Roberto Parmeggiani – 347.2646651

Annunci

Una risposta a “L’alfabeto della diversità

  1. Pingback: La memoria | assomiglio a me stesso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...