Archivi tag: 27 gennaio

Giorno della memoria – Scuola Ciliani Prato

27 gennaio 2017, ho incontrato 6 classi IV della Scuola Primaria Ciliani di Prato che ha aderito al Festival un Prato di libri con il classico “Il diario di Anna Frank”.

L’occasione era, ovviamente, il Giorno della Memoria. I bambini avevano già riflettuto insieme alle insegnanti, sapevano tutto sui campi di concentramento, sulla razza ariana, sugli ebrei.

Con il mio contributo, piccolo piccolo, ho cercato di riportare questi temi così grandi e lontani nel tempo, all’oggi.

L’odio per l’altro che viene definito inferiore, nasce da ciò che intendiamo per diversità. Gli oltre 100 bambini di ieri avevano tanti colori diversi, i più svariati nomi, alcune disabilità, tanti modi di stare, intervenire, dire e pensare… la rappresentazione perfetta della società in cui viviamo, dove convivono e si arricchiscono tanti tipi e tanti modi di essere umani… il primo vero anticorpo contro la xenofobia.

Felice e orgoglioso di seminare speranza!

16299012_1304137832998807_5047713242542764107_n

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in EDUCAZIONE ALLA DIVERSITA', LIBRI, PAROLE, SCRITTURA

Se fossimo capaci di ricordare…

0b1d9080507ae66acce7fe18e39b9d89

27 gennaio 2015

Se fossimo capaci di ricordare ci scoppierebbe il cuore, desidereremmo strapparcelo dal petto.
Per quel dolore insopportabile.
Se fossimo capaci di ricordare impazziremmo, la nostra mente perderebbe il senno.
Per l’impossibilità di comprendere una tale tragedia.
Se fossimo capaci di ricordare resteremmo tutti in silenzio perché ogni parola ci sembrerebbe un’offesa.
Ogni pensiero, anche il più delicato e il più rispettoso, un giudizio.
Se fossimo capaci di ricordare, ahimè, non permetteremmo al ricordo di trasformarsi in nostalgia.
Ah! Che dolore, che profonda e infinita tristezza.
Se avessimo la coscienza per ricordare… piangeremmo, forse saliremmo su un albero, alto, per vedere se l’orizzonte esiste ancora, costruiremmo, un sassolino dopo l’altro, una storia nuova, ci sveglieremmo, nel mezzo della notte, per ascoltare la voce del mondo, balleremmo per chi non può ballare più e canteremmo un canto triste, un canto di libertà.
Se fossimo capaci di ricordare, saremmo uomini ed è banale, lo so, ma faremmo di tutto perchè ciò non accadesse di nuovo.

From Schindler’s List

1 Commento

Archiviato in LA POESIA, SGUARDI

tutto è cultura (27 gennaio – giornata della memoria)

La cultura in senso lato può essere considerata come l’insieme degli aspetti spirituali, materiali, intellettuali ed emozionali unici nel loro genere che contraddistinguono una società o un gruppo sociale. Essa non comprende solo l’arte e la letteratura, ma anche i modi di vita, i diritti fondamentali degli esseri umani, i sistemi di valori, le tradizioni e le credenze. UNESCO, Conferenza mondiale sulle politiche culturali del 1982 a Città del Messico.

20120808_142306

Tutto è cultura, perfino il fascismo e il nazismo.

Tutto è cultura, perfino i forni crematori e la puzza di ossa bruciate.

Tutto è cultura, perfino i calci in faccia e il muro delle esecuzioni.

Tutto è cultura, perfino le leggi razziali e i vagoni strapieni di persone.

Tutto è cultura, perfino il silenzio di chi sapeva e il non indagare di chi non voleva sapere.

Tutto è cultura, perfino gli esperimenti di eugenetica e i disabili che sono un costo.

Tutto è cultura, perfino l’antisemitismo, l’antizingari, l’antidissidenti, l’antiomosessuali, l’antiintellettuali.

Tutto è cultura, perfino la revisione della storia e la negazione dello sterminio.

Tutto è cultura, per sfortuna.

Tutto è cultura, per fortuna.

Anche noi quando pensiamo e quando non pensiamo, quando agiamo e quando non agiamo, quando parliamo e quando non parliamo, quando protestiamo e quando non protestiamo, quando crediamo e quando non crediamo, quando ricordiamo e quando dimentichiamo.

“La cultura in senso lato può essere considerata come l’insieme degli aspetti spirituali, materiali, intellettuali ed emozionali unici nel loro genere che contraddistinguono una società o un gruppo sociale”

 

 

1 Commento

Archiviato in EDUCAZIONE ALLA DIVERSITA', SGUARDI